Diagnosi energetiche

Diagnosi Energetiche per comuni e aziende: informazioni

  • Un audit approfondito per poter facilitare successive richieste di contributi
  • Una pianificazione degli interventi di facile attuazione per Amministratori e tecnici comunali
  • Una valutazione fatto da “terzi” rispetto a chi esegue i lavori per tutelare l’interesse del Comune

L’esecuzione di diagnosi energetiche approfondite rappresenta un’azione chiave sia nella gestione di un Comune che di un’Azienda.

La normativa introduce nuovi vincoli normativi che obbligano all’esecuzione di audit e valutazioni energetiche: il D.Lgs. 102/2014 per quanto riguarda le attività produttive e il D.L. 63/2013 per quanto riguarda la pubblica amministrazione. Non solo.

Il Conto Termico, principale strumento di contributo ai Comuni per l’efficienza energetica, richieste quasi sempre l’esecuzione di una diagnosi energetica pre-intervento e una certificazione post.

Molti altri contributi, sia regionali che nazionali chiedono che il potenziale beneficiario abbia disponibile una diagnosi energetica o progetto preliminare dell’intervento.

I tempi per rispondere ai bandi sono dell’ordine del mese e il Comune se non ha il lavoro pronto perde l’opportunità.

La Diagnosi non va vista solo come una necessità, piuttosto come una opportunità.

Avere uno studio energetico del parco immobili comunali permette di definire una programmazione degli interventi non basata su “opinioni” ma su dati oggetti e obiettivi di risparmio raggiungibili.

Definisce una strada che giustifichi l’operato dell’Amministratore e del tecnico comunale.

La differenza tra una buona e cattiva diagnosi non sta solo nella completezza, sta soprattutto nel grado di utilità per il Comune; deve cioè essere chiara e semplice, definire un piano di azione e facilitare la redazione di successivi progetti preliminari.

Infine la diagnosi non dovrebbe essere svolta da chi è in qualsiasi modo chiamato a realizzare gli interventi o a svolgere servizi energia.  Chi esegue la diagnosi deve tutelare esclusivamente l’interesse del Comune e deve essere soggetto “terzo” a chi esegue i lavori. Solo così il Comune potrà decidere con la massima consapevolezza gli obiettivi da raggiungere.

L’investimento in una diagnosi ben fatta, a lungo termine, porta dei risultati importanti.

Sinpro Ambiente ha nel corso del tempo e con oltre 100 diagnosi eseguite in edifici pubblici di ogni tipologia, maturato un metodo finalizzato a raggiungere gli obiettivi sopra descritti.

La strumentazione utilizzata per definire lo stato di fatto va dalla termocamera ad infrarossi al termoflussimetro.

Il risultato fornito consiste in uno studio di fattibilità che analizza tutti gli aspetti fondamentali: tecnico, economico e finanziario.

Sei interessato al servizio di Diagnosi energetiche?
Contattaci per una consulenza.