Monitoraggio Campo Magnetico a Bassa Frequenza

Monitoraggio dei campi elettromagnetici a bassa frequenza: tutto quello che c'è da sapere

  • Un servizio che dà sicurezza h24 sul rispetto dei limiti di Legge;
  • Massima flessibilità di posizionamento per rispondere ad ogni richiesta;
  • Un servizio organizzato per ottimizzare i costi e dare massima diffusione ai dati monitorati.

I campi elettromagnetici a bassa frequenza sono misurati principalmente lungo gli elettrodotti che in ambiente civile rappresentano la principale sorgente.

La normativa a livello nazionale, con la legge quadro n°36 del 2001 e il DPCM 08/07/2003, ha affermato che la fissazione dei limiti di legge per l’esposizione ai campi a bassa frequenza è di competenza nazionale adeguando le diverse normative regionali a quella nazionale. In alcuni casi l’adeguamento ha portato ad innalzare i limiti.

Sulla base dell’attuale quadro di conoscenze, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato i campi magnetici ELF come “possibilmente cancerogeni” per l’uomo.

In questo contesto, e considerato che i livelli di esposizione generati da un elettrodotto sono funzionali alla corrente che in esso transita, Sinpro Ambiente offre un servizio specifico per rispondere alle esigenze dei Comuni che hanno la necessità di conoscere i livelli di esposizione presso abitazioni e luoghi pubblici (scuole, asili, etc).

A tal fine propone di realizzare tale monitoraggio tramite l’utilizzo di centraline per verificare il rispetto dei limiti di Legge, controllare 24 ore su 24 l’attività dei gestori della tratta e informare i cittadini sui livelli misurati.

Le centraline hanno dimensioni contenute e si prestano ad essere installate e spostate senza alcuna difficoltà in ogni tipologia di ambiente.

La comunicazione dei dati è realizzata tramite un sito web collegato a quello del Comune.

Sei interessato al servizio di Monitoraggio Campo Magnetico a Bassa Frequenza?
Contattaci per una consulenza.